Miley Cyrus, la dieta vegan e gli omega 3

Ne parliamo con la Dottoressa Silvia Goggi, nutrizionista esperta di alimentazione a base vegetale

Miley Cyrus non è più vegana, lo ha annunciato pubblicamente in una lunga intervista durante la registrazione del podcast “The Joe Rogan Experience”. Miley era una delle tante celebrity famose per la loro scelta “vegan”, scelta condivisa con i suoi milioni di follower e fan, tra cui tanti che come lei avevano scelto una dieta 100% a base vegetale.

Il motivo di questa scelta? La cantante e attrice ha spiegato che sentiva che “Il suo cervello non funzionava più come una volta”.

E ha aggiunto: 

«Sono stata vegana per moltissimo tempo, ma ho dovuto introdurre pesce e Omega 3 nella mia vita, perché il mio cervello non stava funzionando correttamente”.

La cosa che più ci rammarica di questa vicenda non è tanto la scelta dell’artista Miley Cyrus, quanto come la stampa e i media abbiano subito approfittato di questo assist per screditare, ancora una volta, l’alimentazione 100% a base vegetale.

Anche la stampa italiana ha subito rilanciato la notizia, ma nessuno dei media, anche tra i più autorevoli, si è disturbato a chiedere il parere di un medico nutrizionista esperto di alimentazione vegetale per avere un parere sulla vicenda.

Allora ci abbiamo pensato noi: abbiamo chiesto alla Dottoressa Silvia Goggi, esperta di alimentazione a base vegetale di chiarirci le idee su dieta vegana e gli omega 3.

Dottoressa Goggi, partiamo facendo un po’ di chiarezza, che cosa sono gli omega 3?

Gli omega 3 sono una categoria di acidi grassi essenziali. Il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli da solo, e per questo è necessario prenderli da fonti esterne, attraverso l’alimentazione.

Davvero una dieta vegana porta ad una carenza di omega 3?

Assolutamente no. Tra le fonti celebrate come migliori per assumere gli omega 3 ci sono i pesci grassi, ma ci sono anche tante fonti vegetali da cui ricavare questi importanti nutrienti.

Chi segue una dieta vegana deve assicurarsi di includere una sufficiente quantità di alimenti che contengono l’Acido Alfa Linolenico (ALA), ovvero il precursore di tutti gli acidi grassi omega3, presente nei vegetali. Sono i nostri enzimi poi a fare il lavoro di “allungamento” dell’ ALA, a catena corta, in EPA e DHA che sono acidi grassi omega 3 a lunga catena.  

Si tratta esattamente di ciò che fanno i pesci, che mangiando le alghe assumono l’Acido Alfa Linolenico (ALA), e poi attraverso i loro enzimi lo allungano. I pesci non sono delle “fabbriche” di omega 3, semplicemente fanno lo stesso lavoro che il nostro corpo è in grado di fare da solo se assumiamo la giusta quantità di ALA da fonti vegetali. 

Quali sono le migliori fonti vegetali di omega 3?

L’acido Alfa Linolenico (ALA) ovvero il padre di tutti gli Omega 3 si trova in tantissimi alimenti di origine vegetale, quelli con maggiore concentrazione – che sono quindi fonti sostanziose che permettono di raggiungere il fabbisogno giornaliero velocemente – sono: noci, semi di lino, olio di lino e semi di chia (nel caso dei semi, questi vanno consumati macinati).

Se si introducono questi alimenti nella dieta di tutti i giorni, ed è semplicissimo farlo (basta condire l’insalata con un po’ di semi di lino, o aggiungere i semi di lino o di chia macinati in un frullato o durante la colazione) non c’è alcun rischio di incorrere in carenze di Omega 3.

Un consiglio su come evitare di avere carenze di nutrienti, per chi segue una dieta vegana, ma anche per tutti gli altri!

Il problema di una carenza di nutrienti può interessare chiunque, non solo chi segue una dieta 100% a base vegetale. 

Un esempio? Tutte le donne che affrontano una gravidanza e durante l’allattamento hanno bisogno di integrare l’Omega 3 DHA, anche se mangiano pesce.

Qualunque dieta decidiamo di seguire, che includa o meno prodotti animali, deve soddisfare il fabbisogno giornaliero di nutrienti del nostro organismo. Questo lo si può fare facilmente inserendo nella propria dieta i cibi a maggiore densità nutrizionale – che sono i vegetali. 

Non bisogna guardare al problema solo quando si parla di dieta vegana, una dieta che non prevede abbastanza vegetali, ad esempio, può essere carente di fibre, di acido folico, di vitamina C, tutte carenze che possono avere conseguenze sul nostro organismo.

Sicuramente dichiarando pubblicamente la sua scelta di abbandonare la dieta vegan, muovendo anche importanti critiche a questa alimentazione, Miley Cyrus non ha fatto un favore a chi, ogni giorno, lavora e lotta per diffondere cultura su questi temi importanti.

Quello che rimane, alla fine del turbinio mediatico che investirà questa vicenda, è la scienza: il segreto per una vita sana è una dieta equilibrata. Una dieta totalmente a base vegetale ben organizzata e completa dal punto di vista nutritivo può fornire addirittura benefici per la prevenzione e il trattamento di diverse malattie. 

Non solo, la scelta di una dieta che esclude completamente la carne e i suoi derivati non è un bene solo per il nostro organismo, ma anche per tutti gli animali costretti negli allevamenti intensivi e per tutto il pianeta.

Se vuoi saperne di più visita ora Love Veg, il sito di Animal Equality interamente dedicato all’alimentazione 100% a base vegetale.