IL TUO AIUTO VALE DOPPIO ANCORA PER POCO! DONA ORA

IL MESSAGGIO DI MATTEO CUPI

Ciao,

sono Matteo Cupi, fondatore di Animal Equality Italia e Vice Presidente per l’Europa.

Secondo te la politica può cambiare davvero la vita degli animali?

Concorderai con me che la maggior parte dei cambiamenti, quelli che fanno la differenza, dipendono dalle leggi.

Se non esistono leggi adeguate, non possiamo tutelare gli animali vittime di maltrattamenti…

Se le leggi non sono abbastanza forti non possiamo scongiurare (o punire) i crimini contro gli animali… 

E se in questo momento molti animali non possono respirare aria fresca e sentire il calore del sole sulla pelle perché rinchiusi, da qui alla fine dei loro giorni, in allevamenti e macelli… è perché non ci sono leggi che lo considerano un loro diritto fondamentale.

Mucche, polli, maiali, non sono cose.
Non sono proprietà.
Non sono oggetti.

Gli animali sono esseri senzienti, che provano sentimenti e dolore e hanno bisogno di leggi che li proteggano, esattamente come gli esseri umani.

Ma cambiare le leggi è un lavoro estremamente complesso. E la politica può anche essere pesante e noiosa talvolta, ma dobbiamo approfittare delle possibilità che presenta se vogliamo davvero cambiare la vita degli animali.

C’è una parte del nostro lavoro che spesso resta dietro le quinte, ma che è fondamentale, ed è proprio il lavoro di pressione politica.

Per ottenere cambiamenti per gli animali, non basta lanciare inchieste scioccanti o scendere in strada con proteste eclatanti.

Bisogna farsi ascoltare da chi prende le decisioni: le istituzioni.

E non è un’impresa facile, perché bisogna lavorare per anni per guadagnarsi la loro attenzione.

Dal 2006 le nostre campagne portano le istituzioni a varare leggi che riducono la sofferenza degli animali e fanno sì che quelle esistenti siano rispettate.

– Fino a qualche anno fa non si era mai parlato di strage dei pulcini maschi in nessuna sede istituzionale, né italiana né tantomeno europea. Ora, dopo il divieto storico di uccisione dei pulcini maschi che il Parlamento italiano ha approvato nel 2022, è diventato d’ispirazione anche per altri paesi europei per andare nella stessa direzione, a dimostrazione che il cambiamento è possibile.

– L’Europa ha finalmente riconosciuto il diritto degli animali a vivere fuori dalle gabbie. Lavorando insieme abbiamo mobilitato quasi un milione e mezzo di cittadini europei che si sono uniti per far valere la propria opinione davanti alle Istituzioni.

– Grazie al lavoro di pressione politica di Animal Equality lo stato messicano di Puebla ha approvato un disegno di legge per vietare i macelli clandestini e la macellazione degli animali senza stordimento, un passo avanti che impatterà più di 100 milioni di animali macellati clandestinamente e brutalmente ogni anno in tutto il paese.

Abbiamo il diritto di mettere in discussione le leggi e di cambiarle. Perché le leggi esistono per noi, per tutelare le nostre vite, quelle degli animali e del pianeta. 

Per portare la voce degli animali in cima alle istituzioni, però, ci vogliono piani concreti, risorse, fondi economici, e tanto, tantissimo lavoro.

E c’è anche un’altra cosa.

Non siamo i soli a fare pressione sulle istituzioni: ci sono anche i rappresentanti dell’industria, che spingono perché le leggi siano dalla loro parte.

È un tiro alla fune continuo, dove non possiamo permetterci di lasciare andare un solo centimetro. Perché ogni volta che molliamo anche un solo centimetro, i diritti degli animali vengono calpestati

Noi, però, non cederemo a nessun costo.

Ci troverai sempre negli allevamenti, con gli scarponi immersi nei liquami, ci troverai su strada a protestare, ci troverai sempre anche nelle sedi istituzionali, pronti a negoziare con i legislatori.

Ma anche gli ideali più alti e le missioni più ambiziose hanno bisogno di progetti, di strategia e di preparazione per diventare realtà.

Ci vuole pazienza, studio dei processi legislativi, impegno nello stabilire un rapporto con i legislatori…

E soprattutto ci vuole persistenza. Perché a volte non si ottiene la legge che si desidera al primo tentativo. Possono volerci più sessioni legislative e anni di lavoro per vedere i risultati. 

Gli animali hanno bisogno di una voce potente e convincente che li rappresenti, noi siamo quella voce.

E anche tu puoi essere quella voce.

Aiutaci a portare avanti il nostro lavoro di pressione politica, è solo grazie alle persone come te, che si impegnano per un mondo libero dallo sfruttamento, che possiamo fare grandi cose per gli animali.

Una donazione regolare è preziosissima per noi, perché ci permette di avere tempo e risorse a sufficienza per continuare, instancabilmente, il nostro lavoro per gli animali più ignorati sul pianeta.

E soprattutto ci aiuta a mantenere indipendente il nostro lavoro, senza che interferenze da parte di terzi condizionino i nostri progetti.

Con gratitudine,

Matteo

ALTRE MODALITÀ DI DONAZIONE

Se vuoi sostenerci attraverso bonifico bancario o versamento postale, eccoti le informazioni necessarie:

Bonifico bancario sul conto intestato ad Animal Equality Italia, Banco BPM con IBAN: IT 54D05 0340 1698 0000 0000 3906

BIC: BCITITMX (Da aggiungere all’IBAN esclusivamente per donazioni dall’estero)

Bollettino postale intestato ad Animal Equality Italia, Conto Corrente n° 1028587499

DOMANDE FREQUENTI (FAQ)

SONO PREVISTI DEI VANTAGGI FISCALI?

+

Le erogazioni liberali sono fiscalmente deducibili o detraibili secondo i limiti indicati dalla legge. Il beneficio fiscale è consentito, per le erogazioni liberali in denaro, a condizione che il versamento sia eseguito tramite banche o uffici postali ovvero mediante altri sistemi di pagamento tracciabili (carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari).

Per le persone fisiche è possibile:
– detrarre dall’imposta lorda un importo pari al 30% delle erogazioni liberali in denaro, sino ad un massimo di Euro 30.000,00 delle erogazioni liberali per ciascun anno d’imposta (art. 83, comma 1 del D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117).
– dedurre dal reddito complessivo netto le erogazioni liberali in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato. Qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare (art. 83, comma 2 del D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117). 

Per gli enti e società è possibile:
– dedurre dal reddito complessivo netto le erogazioni liberali in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato. Qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare (art. 83, comma 2 del D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117).

POSSO REGALARE UNA DONAZIONE?

+

Per fini fiscali è necessario che la donazione sia intestata alla persona titolare del conto corrente o della carta di credito. Una volta fatta la donazione però puoi avvisarci via email, specificando il nome della persona a cui vuoi regalarla, penseremo noi a preparare una cartolina di ringraziamento che potrai inoltrare alla persona che ci hai indicato.

COME UTILIZZATE LE DONAZIONI CHE RICEVETE?

+

Siamo completamente trasparenti sull’utilizzo delle nostre risorse economiche, e per questo ogni anno produciamo un Bilancio Sociale, che oltre a tutto il nostro lavoro per gli animali include anche i nostri rendiconti finanziari. Per farti un’idea sfoglia il nostro ultimo documento relativo all’anno 2021! SFOGLIA IL BILANCIO SOCIALE 2021.

SUI MAGGIORI MEDIA NAZIONALI E INTERNAZIONALI

Ogni anno il nostro team di comunicazione lavora perché i filmati delle nostre investigazioni, le nostre inchieste e i nostri reportage raggiungano persone in tutto il mondo.

Media nazionali hanno rilasciato diverse nostre inchieste raggiungendo milioni e milioni di spettatori grazie alla nostra presenza su canali come RAI e LA7 e durante programmi di punta come Cartabianca e il TG5.

Abbiamo trovato spazio sui maggiori quotidiani italiani come La Stampa, Il Corriere della Sera, Domani e La Repubblica.

Ma siamo finiti anche su media rilevanti a livello internazionale come New York Times, BBC, Times, El Pais e The Independent.

La nostra presenza sui social è sempre più importante: i nostri video sono visti da milioni di persone e portano il nostro messaggio in ogni angolo del globo.

LA TUA DONAZIONE È SICURA!


Grazie alla massima trasparenza con cui opera, Animal Equality è stata inserita nel portale online “Io Dono Sicuro”, primo database in Italia composto solo da organizzazioni non profit verificate e garantite dall’Istituto Italiano della Donazione.

logo aifr

Siamo anche soci di AIFR, Associazione Italiana Fundraising, l’organizzazione italiana che promuove lo sviluppo della filantropia e della raccolta fondi nel nostro paese attraverso vari eventi e iniziative.

web_alta

Abbiamo ricevuto la certificazione di qualità per gli enti non profit da parte di ASSIF (Associazione Italiana Fundraiser) come garanzia per i donatori, per i professionisti e per gli stakeholder pubblici e privati.

Animal Equality ha ottenuto il distintivo “CAF International Validated Organization”, assegnato alle organizzazioni non profit che hanno completato un lungo processo di convalida da parte dell’ente americano e che garantisce che tutti i fondi inviati all’organizzazione saranno utilizzati a scopo benefico.