OGNI DONAZIONE VALE X2! AIUTACI ORA
News
Rimani aggiornato sulle ultime attività di Animal Equality

SCOZIA, SALMONI ALLEVATI E LASCIATI SOFFOCARE SULLE BARCHE DI MACELLAZIONE

Marzo 1, 2023

Nella nuova inchiesta sotto copertura di Animal Equality, le immagini raccolte mostrano salmoni e altri pesci sottoposti a gravi abusi da parte degli operatori in un allevamento che ha rifornito anche la COP 26.

Le riprese dell’allevamento scozzese di salmoni si sono svolte nell’arco di due mesi alla fine del 2022. L’allevamento di salmoni, con sede a Loch Cairnbawn, è gestito da Loch Duart Ltd, un noto fornitore di ristoranti e di chef stellati che vende i propri prodotti anche a chef come Gordon Ramsay e Rick Stein. Accreditata da RSPCA Assured, Global GAP e Friends of the Sea, l’azienda ha fornito carne di salmone anche alla COP 26.

Le immagini raccolte dal team investigativo di Animal Equality mostrano gravi violenze nei confronti degli animali all’interno dell’allevamento, tra cui:

  • Mancato stordimento dei pesci e controlli inadeguati, con conseguente macellazione di salmoni ancora coscienti;
  • Morte per soffocamento dei pesci più piccoli, abbandonati in un secchio sulle barche;
  • Sovraffollamento visibile nelle reti e nei macchinari di macellazione insanguinati;
  • Pesci feriti e sanguinanti dopo essere stati trasportati attraverso tubi dalle vasche di allevamento alle barche di macellazione;
  • Pesci lanciati con violenza dagli operatori nei macchinari e contro le pareti delle barche;
  • Pesci morti e morenti gettati in mare dai lavoratori, con gravi rischi per la biosicurezza.

Secondi Mark Borthwick, dottorando dell’Open-Oxford-Cambridge Doctoral Training Partnership ed esperto di pesci, ha dichiarato che quanto documentato è uno dei peggiori casi di maltrattamento di pesci a cui abbia mai assistito:

L’ammassamento dei pesci che le immagini mostrano non è un comportamento normale per questi animali solitari, quindi è probabile che stiano tentando di nuotare lontano l’uno dall’altro per paura del cannibalismo, risultato di un ambiente altamente innaturale e stressante. 

Il ristagno di sangue nei macchinari per la macellazione suggerisce inoltre che l’attrezzatura di pompaggio utilizzata per trasportare i pesci dalle vasche di allevamento alle barche stia probabilmente causando traumi estesi a molti di questi animali, che subiscono lesioni mentre si agitano all’interno dei tubi. “Il sistema di pompaggio è così mal configurato che molti pesci sono morti prima ancora di raggiungere la macchina per l’abbattimento”, spiega Borthwick. 

L’inchiesta mostra anche salmoni morti e morenti che vengono presi da un secchio e gettati in mare dalle barche. Secondo la dottoressa Lynne Sneddon dell’Università di Göteborg, questo ha effetti dannosi non solo sugli animali ma anche sull’ambiente:

Gettare i pesci in mare non dovrebbe assolutamente accadere. Questi pesci potrebbero introdurre malattie e parassiti e influenzare negativamente le popolazioni marine attraverso la competizione, l’aggressione o la trasmissione dei loro geni.

Non è la prima volta che Animal Equality scopre abusi sui salmoni nel settore ittico scozzese. Nel febbraio del 2021, Animal Equality ha pubblicato un’indagine, unica nel suo genere, all’interno di un macello scozzese di salmoni che mostra animali lasciati soffocare sul pavimento, stordimenti impropri e il taglio delle branchie su pesci ancora coscienti.

Guarda la nostra inchiesta nel macello di salmoni scozzese:

L’industria ittica del Regno Unito alleva ogni anno fino a 52 milioni di salmoni, ma secondo l’organizzazione $camon $cotland tra i 20 e i 30 milioni muoiono prima di arrivare alla macellazione a causa di maltrattamenti, trasporti violenti e trattamenti approssimativi contro i pidocchi, errori chimici, fioriture algali e malattie infettive. 

Per contrastare le crudeltà su questi animali sfruttati a scopo alimentare e i danni provocati dal loro allevamento sull’ecosistema, Animal Equality ha rivolto un appello al Governo scozzese, sostenuto da diversi parlamentari, per fermare l’espansione degli allevamenti ittici in Scozia, terzo esportatore al mondo di carne di salmone dopo Norvegia e Cile.

L’Italia è fra i maggiori importatori al mondo di salmone, un prodotto il cui consumo è aumentato esponenzialmente negli ultimi anni. Ma negli allevamenti intensivi, questi animali vivono in condizioni degradanti, subendo maltrattamenti costanti e crudeli in assenza di controlli adeguati e di tutele minime che permettano di evitare violenze come quelle che abbiamo ancora una volta documentato.

Matteo Cupi, Vicepresidente di Animal Equality Europa

Animal Equality si batte da anni contro lo sfruttamento estremo di miliardi di pesci usati nell’industria alimentare. Attraverso i nostri lavori di denuncia pluriennale, abbiamo mostrato al pubblico come anche in Italia questi animali siano sottoposti a gravi maltrattamenti che rischierebbero altrimenti di rimanere nascosti.

Fermare la sofferenza dei pesci sfruttati dall’industria della pesca e dell’allevamento è possibile, a partire dalle scelte che compiamo a tavola!


Ultime notizie
Marzo 6, 2023

L’On. Susanna Cherchi (M5S) ha presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere al Ministro dell’agricoltura e della sovranità alimentare di rivedere la propria posizione a sostegno di questa pratica inaccettabile, come verificatosi in occasione dell’ultimo Consiglio Agricoltura e Pesca dell’Unione europea (AGRIFISH). Mercoledì 1 marzo, la deputata Cherchi ha ricordato alla…
Febbraio 22, 2023

L’avvocato Manuela Giacomini spiega: la Commissione UE sta valutando le possibilità di intervenire per affrontare le conseguenze negative dell’allevamento di questi animali A giugno 2022, Animal Equality ha depositato presso la Commissione europea una denuncia contro i 27 Stati membri per le violazioni della normativa UE relativa all’allevamento di…
Febbraio 1, 2023

Mentre l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare e i cittadini chiedono cambiamenti, alcuni Stati membri non vogliono restrizioni sul trasporto di animali vivi e l’Italia, purtroppo, si è accodata a questi  Durante l’ultimo Consiglio Agricoltura e Pesca dell’Unione europea (AGRIFISH) il Ministro italiano Lollobrigida ha difeso una pratica che…