OGNI DONAZIONE VALE X3 FINO AL 31 DICEMBRE! AIUTACI ADESSO!

Carne di pollo: sembra una magia… e invece è solo sofferenza


Dovete sapere che nel 1925 un pollo arrivava a pesare 1,2 kg in 112 giorni. Oggi la maggioranza dei polli allevati per la loro carne arrivano a quasi 3 kg di peso in soli 45-48 giorni di vita.

Vista da questa prospettiva sembra una magia, vero? Ma dovreste soffermarvi su cosa significa per questo animale crescere così rapidamente.

Comporta, prima di tutto, prendere molto peso in poco tempo. La struttura ossea e muscolare dei polli broiler selezionati per crescere velocemente e a dismisura non è in grado di reggere tutto questo peso, perché di fatto sono ancora dei pulcini: gli arti non lo sostengono e così si deformano.

Nemmeno gli organi interni riescono a sopportare questa crescita esagerata, e i polli finiscono per soffrire anche di problemi cardiocircolatori.

Non solo, la loro condizione li porta, in alcuni casi, alla morte precoce: i polli cadono a terra e, incapaci di rialzarsi, muoiono di fame e di sete a pochi centimetri dalle mangiatoie e dagli abbeveratoi, posizionate appositamente troppo in alto affinché i più deboli vengano eliminati naturalmente

Ci sono anche altre conseguenze che il rapido accrescimento comporta nella carne di questi polli – quella che viene venduta a decine di milioni di consumatori in tutto il mondo.

Abbiamo visto che il mercato ha ormai imposto un pollo dal petto gonfio e dal prezzo contenuto. Possiamo dire che questo pollo è quasi un miracolo se lo si considera dal punto di vista del prezzo, ma vogliamo parlare della qualità, quella tanto ricercata dai consumatori?

Perché questo pollo non solo non è in salute, ma non fa bene nemmeno alla salute di chi lo mangia. La carne di questi animali viene ritenuta fra le più sane in commercio e questo fa in modo che la domanda di carne di pollo sia costantemente in crescita.

Studi scientifici condotti in questi anni hanno rilevato la presenza di batteri inclini a sviluppare resistenza agli antibiotici nel 63% dei campioni di carne di pollo acquistata in Italia.

Questo fenomeno ha delle conseguenze davvero gravissime, e non solo per i polli: significa che più andremo avanti, più gli antibiotici perderanno efficacia contro le infezioni.

La situazione è così seria che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’antibiotico-resistenza è ormai diventata una delle più gravi minacce per la salute pubblica mondiale.

Ma non è finita, c’è anche un’altra beffa ai danni dei consumatori: la carne di pollo è tutt’altro che magra, il fatto che venga promossa e venduta come tale è solo un inganno della pubblicità.

Avete mai sentito parlare del fenomeno della “carne a spaghetti”?

I petti di pollo più economici vengono presentati nei supermercati in bella mostra, ma basta scartare le confezioni che li contengono e guardarli un po’ meglio per rendersi conto che spesso ci sono delle alterazioni della carne visibili anche a occhio nudo.

La carne è legnosa e la tipica separazione in fasci in fibre è detta “carne a spaghetti”. Il petto, poi, presenta delle striature bianche… quello è grasso, niente di più, niente di meno.

Questo succede perché i polli a rapido accrescimento soffrono spesso di miopatie, cioè malattie del sistema muscolare, come conseguenza della crescita rapida. Ciò provoca una crescita sbilanciata del tessuto connettivo che impedisce l’afflusso necessario di sangue – e quindi di ossigeno – al muscolo. Così la carne ha meno proteine, più collagene e più lipidi… ed è quindi più grassa.

La vera magia, qui, l’ha fatta il marketing.

Le aziende vogliono farci credere che la carne di pollo sia 100% naturale (un concetto che, in realtà, non significa nulla), sana e genuina, derivante da polli che razzolano felici.

In realtà questi polli possono anche vivere tutta la loro vita – ovvero: da 42 fino a 48 giorni – ammassati in capannoni, con una piccola porticina che dà su un lembo di terra (di un metro per uno) ed essere comunque considerati polli biologici allevati all’aperto.

E sono ancora dei pulcini quando vengono macellati, anche se il loro corpo ha le sembianze di quello di un pollo adulto. Non è esattamente ciò che la pubblicità cerca di venderci, vero?

Per fortuna, possiamo scegliere da che parte stare. Ed esistono, per esempio, anche delle alternative al pollo 100% vegetali, che permettono di tenere la sofferenza di questi animali fuori dal piatto.

Chi vorrebbe mangiare un pollo che cresce mostruosamente e a dismisura?

In due settimane di vita un pulcino broiler a rapido accrescimento passa da una media di 60 grammi a 320. Scopri la seconda settimana di vita di uno di questi pulcini, in che condizioni vive e come si sente. Ve la racconterà dal suo punto di vista:


Le più lette

Gennaio 29, 2021

La vitamina B12, o cobalamina, svolge un ruolo fondamentale per la nostra salute ed è l’unico nutriente essenziale non presente negli alimenti vegetali. Per capire meglio qual è la sua funzione e come raggiungere il fabbisogno giornaliero, abbiamo chiesto ad un’esperta di nutrizione di fornire dei chiarimenti su questo prezioso…
Ottobre 30, 2020

Abbiamo chiesto a Tadzio Pederzolli – chef del ristorante “Radicetonda” a Milano e della scuola itinerante di cucina naturale “Baciamincucina”, curioso viaggiatore e volto noto della scena musicale underground milanese ed italiana – di parlarci proprio di burger 100% a base vegetale. Sono passati ormai 16 anni…
Giugno 26, 2020

Una premessa doverosa: tutto quello che vedrai in questa pagina è del tutto legale. Crudele, ma legale: queste terribili pratiche perpetrate sugli animali negli allevamenti e nei macelli sembrano uscite da un film dell’orrore, ma agli occhi della legge italiana sono considerate perfettamente legali! Come può essere legale strappare…