Mangiare carne senza fare del male a nessuno? Potremmo arrivarci presto

Riuscite a immaginare un mondo che consuma carne senza la sofferenza di animali innocenti? Lo scienziato Uma Valeti, co-fondatore di Memphis Meats, ha fatto passi da gigante in questa direzione.

Valeti ha guidato un’équipe scientifica nella creazione di carne da cellule animali. Ciò che ha ottenuto è una carne “più sicura, più sana, più sostenibile”, secondo le sue parole.

A primo impatto l’idea di mangiare carne prodotta in laboratorio potrebbe non essere allettante per tutti, ma questa nuova modalità di produzione ha un potenziale rivoluzionario per l’intero settore alimentare. Potrebbe porre fine alla macellazione degli animali, risparmiando milioni di vite, ma non solo: la carne prodotta in laboratorio “non porta con sé gli effetti dannosi della contaminazione batterica, dei grassi saturi in quantità elevate o dell’inquinamento ambientale prodotto da allevamenti e macelli” ha affermato Valeti.

Per creare questa carne, l’équipe di Memphis Meats ha identificato alcune cellule capaci di rinnovarsi e le ha prelevate dall’animale. Queste sono state poi coltivate con ossigeno e nutrienti per potersi “formare” in un periodo tra i 9 e i 21 giorni.

Valeti e soci stanno lavorando sulla produzione di carni bovine, suine e di pollo dato che sono quelle con i maggiori tassi di consumo: “Siamo spinti dal pensiero che le persone possano acquistare questa carne nei negozi” – ha detto lo scienziato – “Il nostro obiettivo è la distribuzione nei ristoranti nel giro di 3 anni e nei negozi in 5 anni”.

Questo tipo di produzione offre una soluzione a molti dei problemi enormi causati dal sistema alimentare per come lo conosciamo oggi. La richiesta sempre più alta di prodotti di origine animale a basso costo ha un impatto enorme sull’ambiente, sull’utilizzo dell’acqua, sulla resistenza agli antibiotici, sulla sicurezza alimentare e sulla distribuzione delle risorse mondiali. Dato che produrre carne a partire dalle cellule ha il potenziale di offrire gli stessi alimenti senza tutti questi effetti collaterali, investire su questa tecnologia appare necessario.