OGNI DONAZIONE VALE X2! AIUTACI ADESSO!

Quindici delle più importanti vittorie di Animal Equality per gli animali


Quando Animal Equality è stata fondata nel 2006 con l’obiettivo di proteggere gli animali, sapevamo che non sarebbe stato un compito facile. Ci siamo trovati di fronte a sfide enormi e ad alcune delle industrie più potenti del mondo, ma l’entusiasmo e l’impegno per la nostra missione è solo cresciuto negli anni e questo ci ha permesso di ottenere risultati di grande impatto per gli animali.

Non abbiamo mai perso di vista la nostra missione e per raggiungere il nostro scopo utilizziamo strategie diverse, ma di eguale efficacia: attraverso la sensibilizzazione delle persone sull’orribile realtà degli allevamenti e dei macelli, attraverso il lavoro con le istituzioni, a cui chiediamo di adottare leggi che proteggano gli animali, e anche attraverso il lavoro di sensibilizzazione aziendale, con cui portiamo le grandi aziende del settore alimentare ad attuare politiche a favore degli animali. 

Grazie al lavoro svolto su tutti questi fronti abbiamo ottenuto tantissime vittorie per gli animali negli ultimi 15 anni. Ecco alcune delle più significative che possono aiutarti a rispondere alla domanda “cosa abbiamo fatto per gli animali in questi anni?”. 

1.  Chiuso l’allevamento di maiali di Harling – Regno Unito, 2012

Una delle prime inchieste di Animal Equality sugli allevamenti di maiali nel Regno Unito ha portato alla chiusura di Harling Farm e all’incriminazione di alcuni suoi operatoriper crudeltà sugli animali. I colpevoli hanno ricevuto la più lunga sentenza mai emessa nel Regno Unito per maltrattamento di animali d’allevamento.

2. Chiuso un macello di cani e 33 mercati di cani e gatti – Cina, 2013

Le inchieste di Animal Equality in Cina hanno portato alla chiusura di un macello di cani, accusato di commerciare illegalmente più di 1,5 milioni di cani e gatti all’anno per la loro carne o pelliccia. Grazie al nostro lavoro siamo anche riusciti a far chiudere 33 mercati di cani e gatti.

3.  Ridotto il numero di animali uccisi nel più grande sacrificio di animali del mondo – India, 2014

Grazie alla nostra instancabile campagna e agli sforzi di collaborazione sul territorio dal 2014 c’è stata una drastica riduzione del numero di animali uccisi al Gadhimai Festival – una celebrazione rituale a prevalenza di fedeli indiani che prevede l’uccisione di migliaia di animali tra cui bufali, capre, polli, piccioni e molti altri. Una direttiva emessa dal Ministero dell’Interno indiano dopo le richieste di Animal Equality ha contribuito a ridurre dell’80% il numero di animali uccisi durante il festival. 

4. Divieto nazionale di importazione di foie gras – India, 2014

Il Ministero degli Affari Esteri indiano ha emesso un divieto nazionale sull’importazione di foie gras come risultato diretto delle indagini di Animal Equality.

Questo risultato fa parte di una campagna globale a cui Animal Equality ha dato il via nel luglio 2012, quando ha presentato un’indagine sugli allevamenti di foie gras spagnoli e francesi – allevamenti che esportavano foie gras anche in India –  il cui impatto e le cui ripercussioni si sono estese a diversi paesi europei

5. Lo stato messicano di Jalisco ha vietato l’uso di animali nei circhi – Messico, 2015

Lo stato messicano di Jalisco ha proibito l’uso di animali nei circhi grazie a un’iniziativa presentata da Animal Equality e al sostegno di gruppi locali.

6.  Quattro lavoratori del macello condannati e incarcerati per crudeltà sugli animali – Spagna, 2016

Nel 2012, un operatore dell’allevamento “El Escobar” in Spagna ha segnalato il brutale maltrattamento di maiali e scrofe da parte di alcuni suoi colleghi. Animal Equality ha pubblicato le immagini da lui raccolte e che denunciavano la crudeltà sugli animali che avveniva nell’allevamento e dopo appena 48 ore dalla pubblicazione, tre lavoratori sono stati arrestati. Quattro anni dopo, a seguito del processo nel 2016, due di loro sono stati condannati a un anno di prigione oltre a tre anni di divieto a lavorare a contatto con gli animali.

7. La crudeltà verso gli animali negli allevamenti diventa un crimine a Jalisco – Messico, 2019

In risposta alle indagini di Animal Equality che hanno documentato l’estrema crudeltà a cui sono sottoposti gli animali nei macelli di Jalisco – uno degli stati messicani dove viene macellata la maggior parte degli animali – i legislatori hanno approvato una storica iniziativa che rende la crudeltà verso gli animali da allevamento un reato e punisce la mutilazione, la negligenza veterinaria e il mancato stordimento prima della macellazione.

8.  Tre lavoratori condannati per molteplici accuse di crudeltà sugli animali – Regno Unito, 2019.

Come risultato dell’indagine sotto copertura del 2018 di Animal Equality alla Fir Tree Farm nel Lincolnshire, che ha mostrato ripetute e deliberate violenze sui maiali, tre lavoratori sono stati condannati per molteplici reati di crudeltà sugli animali nel Regno Unito.

9. Zapopan è diventata la prima città messicana a proteggere legalmente gli animali da allevamento – Messico, 2020

Grazie al lavoro di Animal Equality in Messico, un nuovo regolamento per la protezione degli animali è stato approvato dal Governo di Zapopan, Messico, che stabilisce protezioni per gli animali d’allevamento e criminalizza la crudeltà nei loro confronti.

10. La Commissione europea ha accettato di vietare l’uso delle gabbie per tutte le specie animali – Europa, 2021

A seguito di anni di campagne da parte di gruppi di protezione degli animali, tra cui Animal Equality, la Commissione europea ha accettato di presentare una proposta legislativa entro la fine del 2023 per eliminare gradualmente e vietare definitivamente l’uso di gabbie per tutte le specie e categorie di animali a seguito del successo dell’iniziativa “End the Cage Age”. 

Questa legislazione dovrà includere polli, conigli e anatre, così come le scrofe confinate in gabbie da parto e da gestazione, i vitelli usati dall’industria casearia e altri animali d’allevamento.

11. Il più grande gruppo di fast food ha pubblicato una policy per bandire le gabbie dalla sua catena di approvvigionamento di uova in tutto il mondo – Internazionale, 2021

Yum! Brands, la più grande azienda di ristorazione del mondo con più di 52.000 ristoranti a livello globale e  proprietaria di marchi come KFC, Pizza Hut e Taco Bell, ha pubblicato una policy globale per bandire le gabbie dalla sua catena di approvvigionamento di uova in tutto il mondo. Questa campagna per fermare l’uso delle gabbie è stata portata avanti dalla Open Wing Alliance, una coalizione di più di 80 importanti organizzazioni di protezione degli animali, tra cui Animal Equality, e il suo successo consentirà di aiutare più di 24 milioni di galline all’anno.

12. Il governo di Puebla approva una legge per criminalizzare i macelli non regolamentati – Messico, 2021

In una mossa storica per la protezione degli animali, lo stato di Puebla, Messico, ha votato per approvare una legge che renderà illegali macelli non regolamentati e la macellazione nei mercati di animali vivi. La nuova legge, approvata dopo che Animal Equality in Messico ha partecipato a colloqui con varie agenzie del governo di Puebla, renderà anche illegale la macellazione di animali di terra senza stordimento. 

13.  Il Nevada diventa il nono stato americano a vietare le gabbie – USA, 2021

Grazie al lavoro di Animal Equality, così come di altri gruppi di protezione degli animali, il Nevada ha annunciato che diventerà il nono stato americano a vietare le gabbie di batteria per le galline, unendosi a Utah, Colorado, Michigan, Washington, Oregon, California, Massachusetts e Rhode Island. La legge non solo vieta l’ingabbiamento delle galline in Nevada, ma richiede anche che le uova vendute nello stato provengano da strutture senza gabbie, indipendentemente da dove le uova siano state prodotte.

14. Subway si impegna a migliorare le condizioni di vita dei polli – UE, 2021

Subway, la più grande catena di fast food del mondo, ha firmato l’European Chicken Commitment (ECC) dopo una campagna durata oltre un anno e mezzo. Ventidue organizzazioni in tutta Europa si sono unite per fare pressione sull’azienda e chiederle di eliminare le pessime condizioni dei polli allevati per la carne. Centinaia di azioni e proteste hanno avuto luogo in diversi paesi europei e la petizione ha raccolto oltre 260.000 firme. La decisione di Subway di adottare l’ECC avrà un impatto su più di 50 milioni di polli in Europa ogni anno.

15. Verso la fine delle gabbie – Internazionale, 2016 – 2021

Animal Equality ha contribuito ad assicurare impegni pubblici da parte di centinaia di aziende, il che significa che milioni di galline sfruttate per le loro uova non saranno più confinate in gabbie. Queste aziende includono:

Ferrero: La collaborazione dai nostri uffici in Italia e in Messico ha portato alla pubblicazione da parte dell’azienda di una policy globale che include il Messico e la Turchia, dove il cage-free è ancora in una fase emergente. 

RBI: Proprietaria di marchi come Burger King, Popeyes e Tim Hortons, l’azienda ha pubblicato una policy globale per bandire le gabbie dalla sua catena di approvvigionamento di uova in tutto il mondo. Questo impegno a migliorare le loro politiche sul benessere animale è arrivato 43 giorni dopo il lancio di una campagna pubblica della Open Wing Alliance, una coalizione di più di 80 importanti organizzazioni di protezione degli animali, tra cui Animal Equality. Questo impegno avrà un impatto su più di 13 milioni di galline in tutto il mondo ogni anno.

Mantiqueira Producer: Mantiqueira, il più grande produttore di uova del Sud America, ha pubblicato una policy per dire basta alle gabbie in seguito al dialogo con Animal Equality e altre organizzazioni. Si sono impegnati a non investire più in sistemi a gabbia e questo porterà 2,5 milioni di galline fuori dalle gabbie entro il 2025. 

Gruppo Hotel Barceló: Il gruppo si è impegnato a livello globale a non approvvigionarsi più di uova provenienti da galline allevate in gabbia, questa policy avrà un impatto su 460.000 animali. Barceló opera in 22 paesi su 3 continenti. Barceló è la seconda catena alberghiera più grande in Spagna ed è tra le prime 30 al mondo per numero di camere.

Questi sono solo alcuni dei tanti traguardi che in questi anni abbiamo ottenuto per gli animali e come hai potuto leggere sono tutte vittorie che hanno avuto o avranno un impatto concreto sulla vita di milioni di animali.

Il lavoro di Animal Equality, infatti, è sempre stato orientato a questo: all’efficacia e l’efficienza. Ogni cosa che facciamo, ogni inchiesta, ogni lavoro di sensibilizzare è per ottenere risultati concreti per gli animali. Perché crediamo che solo così sia possibile arrivare a costruire il mondo che vogliamo per loro, un passo alla volta, un successo alla volta, insieme.


Le più lette

Gennaio 29, 2021

La vitamina B12, o cobalamina, svolge un ruolo fondamentale per la nostra salute ed è l’unico nutriente essenziale non presente negli alimenti vegetali. Per capire meglio qual è la sua funzione e come raggiungere il fabbisogno giornaliero, abbiamo chiesto ad un’esperta di nutrizione di fornire dei chiarimenti su questo prezioso…
Ottobre 30, 2020

Abbiamo chiesto a Tadzio Pederzolli – chef del ristorante “Radicetonda” a Milano e della scuola itinerante di cucina naturale “Baciamincucina”, curioso viaggiatore e volto noto della scena musicale underground milanese ed italiana – di parlarci proprio di burger 100% a base vegetale. Sono passati ormai 16 anni…
Giugno 26, 2020

Una premessa doverosa: tutto quello che vedrai in questa pagina è del tutto legale. Crudele, ma legale: queste terribili pratiche perpetrate sugli animali negli allevamenti e nei macelli sembrano uscite da un film dell’orrore, ma agli occhi della legge italiana sono considerate perfettamente legali! Come può essere legale strappare…