OGNI DONAZIONE VALE X2 FINO AL 7 LUGLIO! AIUTACI ADESSO!

Wet market: Singapore vieta vendita e macellazione di tartarughe e rane vive


Nuovi progressi a livello internazionale per gli animali costretti a vivere e morire nei wet market, un primo passo importante che deve incentivare la stessa decisione anche per gli altri animali 

Un anno fa, il Parlamento di Singapore ha iniziato una revisione della normativa riguardante il trattamento degli animali vivi venduti e macellati in questi mercati, spinto dalla sempre maggiore attenzione generale nei confronti degli animali costretti a subire crudeltà e maltrattamenti nei wet market e dai rischi sanitari che questi mercati comportano.

Dopo questi primi segnali, pochi giorni fa la Singapore Food Agency (SFA) ha confermato la messa al bando definitiva della vendita e della macellazione di tartarughe e rane vive nei wet market. 

Il nostro lavoro per gli animali nei wet market

Nell’aprile 2020, all’inizio della pandemia di COVID-19, il nostro team investigativo ha mostrato la realtà crudele e spaventosa, all’epoca ancora poco conosciuta agli occhi del pubblico, dei wet market.

Guarda le immagini che abbiamo raccolto nei wet market:

Le nostre telecamere sono tornate in questi luoghi dell’orrore all’estate dello stesso anno e hanno rivelato che la situazione non era affatto cambiata. Purtroppo i wet market sono ancora causa di estrema sofferenza per gli animali e rappresentano ancora un pericolo per la salute pubblica. 

Grazie a queste immagini abbiamo potuto mostrare a tutti brutalità di questi mercati e lanciare così una campagna internazionale per chiederne la chiusura, che ha raccolto in poco tempo più di 500.000 firme.

Solo un mese fa abbiamo consegnato il mezzo milione di firme che abbiamo raccolto alle Nazioni Unite per chiedere che queste crudeltà abbiano fine.

Guarda il messaggio di Sharon, Presidente di Animal Equality

Nel 2019, Singapore è stato il primo importatore di tartarughe asiatiche a guscio morbido: si parla di 18.200 tartarughe catturate e vendute vive.

La decisione di Singapore rappresenta quindi per questi animali un cambiamento davvero cruciale. Questo è stato possibile anche grazie a una revisione della normativa condotta insieme al National Parks Board e all’Agenzia nazionale per l’ambiente.

Si tratta di un primo passo in avanti per gli animali che come ti abbiamo mostrato nelle nostre inchieste rese pubbliche durante il 2020, vivono intrappolate in reti di plastica, private di ogni libertà e destinate a una morte dolorosa e ingiusta.

È anche grazie al nostro lavoro di investigazione e di sensibilizzazione che oggi tutto il mondo conosce la verità sui wet market, ma la strada da percorrere per un cambiamento definitivo è ancora lunga. Milioni di animali continuano a soffrire, allevati e uccisi in questi luoghi, continueremo a lottare affinché questa crudeltà abbia fine una volta per tutte e per tutte le specie di animali. 

<< Post precedenti Post recenti >>

Le più lette

ottobre 30, 2020

Abbiamo chiesto a Tadzio Pederzolli – chef del ristorante “Radicetonda” a Milano e della scuola itinerante di cucina naturale “Baciamincucina”, curioso viaggiatore e volto noto della scena musicale underground milanese ed italiana – di parlarci proprio di burger 100% a base vegetale. Sono passati ormai 16 anni…
giugno 26, 2020

Una premessa doverosa: tutto quello che vedrai in questa pagina è del tutto legale. Negli allevamenti e nei macelli certe pratiche che agli occhi di chiunque sono di una crudeltà estrema, nella realtà sono la norma. Purtroppo in pochi conoscono davvero cosa avviene agli animali in questi luoghi, ed è…
gennaio 29, 2021

La vitamina B12, o cobalamina, svolge un ruolo fondamentale per la nostra salute ed è l’unico nutriente essenziale non presente negli alimenti vegetali. Per capire meglio qual è la sua funzione e come raggiungere il fabbisogno giornaliero, abbiamo chiesto ad un’esperta di nutrizione di fornire dei chiarimenti su questo prezioso…