IL TUO AIUTO VALE DOPPIO ANCORA PER POCO! DONA ORA
Maggio 15, 2024

La reazione di Federica Pellegrini alle inchieste di Animal Equality: “Possiamo fare scelte diverse per gli animali”

>> VIDEO INTERVISTA A FEDERICA PELLEGRINI: https://youtu.be/lvZoldtbu0Y 

Milano, 10/05/2024 – La campionessa olimpica Federica Pellegrini si commuove di fronte alle immagini mostrate da Animal Equality, organizzazione internazionale per la protezione degli animali allevati a scopo alimentare. In dialogo con la Responsabile Campagne di Animal Equality Italia, “la Divina” ha condannato il trattamento crudele riservato a madri e cuccioli negli allevamenti intensivi.

Nel corso della propria attività investigativa pluriennale, Animal Equality ha documentato ciò che accade agli animali negli allevamenti di tutto il mondo. Federica Pellegrini ha deciso di incontrare Ombretta Alessandrini, Responsabile Campagne di Animal Equality Italia, e di immergersi nella realtà aumentata per osservare le condizioni disumane in cui versano gli animali negli allevamenti intensivi.

Nell’industria della carne, le scrofe sono confinate in gabbie così piccole da impedire loro di muoversi liberamente, privandole della possibilità di prendersi cura dei propri cuccioli. Nell’industria lattiero-casearia, le mucche vengono separate dai loro vitelli poco dopo la nascita, condannate a ripetuti cicli di gravidanze forzate per soddisfare la domanda di latte destinato al consumo umano.

Dopo aver indossato il visore iAnimal (un progetto di realtà virtuale che crea un’esperienza immersiva a 360 gradi in cui lo spettatore viene trasportato all’interno degli allevamenti intensivi), Federica Pellegrini è rimasta profondamente colpita da ciò che ha visto e ha dichiarato: “Sono video talmente scioccanti… Noi viviamo la nostra bella vita e a volte non abbiamo neanche voglia di capire da dove viene, che percorso ha fatto la carne che abbiamo davanti, però sono immagini che potrebbero davvero cambiare le scelte quotidiane delle persone”.

Animal Equality si batte per un mondo in cui gli animali allevati a scopo alimentare, spesso i più dimenticati, siano trattati con rispetto e dignità. “Nell’industria alimentare gli animali più vulnerabili sono spesso i più dimenticati. Non possiamo più ignorare il loro dolore. Ogni bicchiere di latte o fetta di carne ha un costo nascosto fatto di sofferenza e sfruttamento. È giunto il momento di compiere scelte più compassionevoli” ha affermato Ombretta Alessandrini. 

Per ulteriori informazioni su Animal Equality Italia e sul loro impegno per costruire un mondo senza sfruttamento animale puoi visitare animalequality.it