News
Rimani aggiornato sulle ultime attività di Animal Equality

Animal Equality salva 10 galline ovaiole tenute in condizioni inimmaginabili ed espone l’industria avicola biologica

Attivisti di Animal Equality hanno deciso di documentare uno tra i diversi allevamenti avicoli biologici presenti sul territorio italiano e di salvare 10 galline ovaiole, stipate assieme a tantissime altre migliaia in condizioni inimmaginabili.
novembre 13, 2013

Nel mese di agosto di quest’anno Animal Equality ha deciso di condurre un’operazione che ha portato al salvataggio di 10 galline ovaiole, rinchiuse assieme a diverse altre migliaia in un allevamento italiano classificato come ‘biologico’. Le immagini ottenute mostrano la stupenda storia degli animali salvati, e le condizioni in cui erano precedentemente costretti a vivere in una tra le tante strutture erroneamente considerate come rispettose del benessere animale.

In molti casi gli allevamenti intensivi sono luoghi difficilmente accessibili e volontariamente lontani dall’attenzione dell’opinione pubblica, la nostra squadra di salvataggio si è assunta la responsabilità morale di documentare la tremenda realtà in cui vivono gli animali e cosa è possibile fare direttamente per salvarne alcuni. Agire a volto scoperto all’interno di un allevamento e assicurare a loro un luogo in cui verranno curati e rispettati è un gesto di solidarietà e di amore che caratterizza l’impegno di Animal Equality. Gli attivisti si trovano spesso a dover operare delle scelte difficili, sapendo di non poter salvare tutti gli animali il numero corrisponde alla certezza che venga garantita adeguata assistenza e cura al di fuori del luogo in cui sono ingiustamente rinchiusi.


Animal Equality ha deciso di esporre un allevamento classificato come ‘biologico’ e nell’operare all’interno della struttura ciò che è stato rilevato è ampiamente documentato da immagini fotografiche e video. 

Gli aspetti principali:
• All’interno di ogni capanno diviso in 3/4 micro-settori le galline vengono stipate ed ammassate in spazi ristretti. Durante il giorno viene reso solo disponibile uno spazio di ‘sgambamento’ chiuso e delimitato, nessuna possibilità di interagire con l’esterno. A testimoniare ciò il livello di anemia riscontrato sul fisico degli animali.

• Animali lasciati morti in decomposizione per giorni a contatto con tutti gli altri.

• Animali feriti e lasciati evidentemente intrappolati senza cure veterinarie.

Feci ed urine diffuse ovunque, con il rischio di infezione e di contaminazione delle uova e dell’ambiente in cui vivono gli animali.

• Processo di raccolta delle uova totalmente meccanizzato con l’utilizzo di nidi artificiali che in realtà non migliorano le condizioni ma le peggiorano, portando gli animali a muoversi con difficoltà all’interno della struttura.

• Processo automatizzato di distribuzione dell’acqua, con la presenza di cavi elettrici scoperti lungo tutti i capanni. Gli animali, stipati in grande numero e spazi ristretti, rischiano costantemente di ricevere scosse elettriche molto dolorose e fonte di enorme stress.

• L’allevamento ha ottenuto finanziamenti dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale secondo le direttive del Reg. (CE) n. 1698/2005; l’informativa è presente e ben visibile in ogni capanno visitato e all’esterno della struttura.

Guarda il video del salvataggio di 10 galline ovaiole da un allevamento biologico, a cura di Animal Equality

La squadra di salvataggio ha lavorato con attenzione per esporre una tipologia di allevamento avicolo falsamente considerata etica, igienica e rispettosa, uno degli attivisti ha infatti dichiarato ”E’ un attimo e ti senti catapultato in un inferno, tutto ciò che ti sta intorno divora sofferenza, se ne nutre e te la restituisce, attraverso gli sguardi di chi è ammalato, di chi viene offeso e di chi è dimenticato. E’ un attimo che dura interi interminabili minuti.”

Il video reso pubblico da Animal Equality mostra dove sono costrette a vivere le galline, la loro vita non supererà i due anni, al calo della produzione di uova verranno mandate al macello perché non più produttive. Durante il mese di agosto di quest’anno per 10 di queste galline il destino è cambiato ed il video che vi mostriamo racconta primi passi verso una nuova vita, verso la libertà.

Aiutaci a salvare gli animali, con il tuo contributo puoi cambiargli la vita.



Ultime notizie

aprile 16, 2021

La raccomandazione arriva dopo la campagna internazionale e le inchieste nei wet market lanciate nel 2020 da Animal Equality che chiede la chiusura totale dei mercati di animali vivi Con la pubblicazione di nuove linee guida, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e il…
aprile 15, 2021

Oggi è stata una pietra miliare per l’Iniziativa che chiede all’Europa di eliminare l’uso delle gabbie per l’allevamento, il prossimo passo è la risposta ufficiale della Commissione Europea, attesa nei prossimi mesi.  Oggi il Parlamento europeo ha tenuto un’audizione pubblica di tre ore sull’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) “End the…
aprile 8, 2021

Le autorità nei porti di Cartagena e Tarragona non hanno garantito il rispetto dei diritti fondamentali degli animali durante i trasporti a bordo delle navi  Animal Equality, in collaborazione con ENPA, ha presentato una denuncia presso la Commissione europea contro la Spagna, segnalando quindi le procedure scorrette e le omissioni…