OGNI DONAZIONE VALE X3 FINO AL 31 DICEMBRE! AIUTACI ADESSO!

La nostra LIVE con Il Fatto Quotidiano: i polli a rapido accrescimento senza protezioni e leggi adeguate


Giovedì 10 marzo siamo stati LIVE con la giornalista de Il Fatto Quotidiano Luisiana Gaita e la giornalista Giulia Innocenzi approfondendo i contenuti della nostra ultima inchiesta esclusiva che rivela la predisposizione genetica dei polli a rapido accrescimento a soffrire per tutta la loro vita.

Rivedi la live con Il fatto Quotidiano sui polli a rapido accrescimento:

Gli ospiti e i temi della diretta

La diretta social che abbiamo organizzato è stata ospitata sui canali social de Il Fatto Quotidiano, oltre ai membri del team di Animal Equality Italia Chiara Caprio, responsabile della Comunicazione e dei Programmi di Animal Equality Italia, e Giulia Malerbi, esperta di benessere animale e Corporate Outreach Manager di Animal Equality Italia erano ospiti la giornalista Luisiana Gaita, che si è occupata di realizzare l’articolo in esclusiva italiana per la testata, e Giulia Innocenzi, giornalista impegnata nella denuncia della sofferenza animale all’interno dell’industria alimentare.

Insieme abbiamo approfondito il tema denunciato nella nostra ultima inchiesta: la sofferenza genetica dei polli Broiler allevati per la loro carne.

Come mostrato nell’investigazione, ai polli a rapido accrescimento – pari al 98% dei polli allevati per la loro carne nel mondo – non può essere garantita alcuna misura di benessere animale. Questo accade a causa della selezione genetica operata dall’essere umano che produce nei polli una crescita eccessiva e anomala del loro petto e delle loro cosce, provocando gravi patologie nell’animale. 

Cosa succede ai polli Broiler selezionati geneticamente?

Come sottolineato nel corso della diretta, la salute di questi animali è messa del tutto in secondo piano rispetto all’obiettivo dell’industria della carne di incrementare al massimo la propria produzione.

“Chi mangia carne di pollo crede di mangiare un alimento salutare perché i riflettori sono puntati solo sui cattivi effetti della carne rossa. Ma ciò che accade negli allevamenti è aberrante per la salute dei polli e non rende sana la loro carne”.

Giulia Innocenzi, giornalista.

La condizione genetica stessa dei polli Broiler a rapido accrescimento rende di fatto fuorilegge questi animali rispetto alla normativa italiana che chiede agli allevatori di applicare misure di benessere animale, ma che tuttavia nei confronti di questi animali non possono essere garantite.

Il ruolo dell’industria e delle istituzioni

Il confronto con le giornaliste ha permesso di prendere in considerazione anche il ruolo delle istituzioni.

“Questa inchiesta dimostra la miopia e l’ipocrisia dell’industria ma anche della normativa vigente che non permette di garantire il benessere animale ai polli Broiler”.

Luisiana Gaita, giornalista de Il Fatto Quotidiano.

“Le istituzioni non stanno reagendo alla necessità di riconoscere il benessere animale come una priorità. Finché le lobby dell’industria alimentare continueranno a influenzare le politiche europee, noi cittadini non potremo farci sentire”.

Giulia Innocenzi, giornalista

Per chiedere di mettere fine a questa ingiustizia e alla sofferenza di questi animali, Animal Equality ha lanciato una petizione rivolta al Ministro per le Politiche Agricole e al Ministro per la Salute per chiedere di supportare a livello europeo la messa la bando delle razze a rapido accrescimento e di disporre  l’abbandono totale delle razze a rapido accrescimento in Italia. Aiutaci a fermare la sofferenza di questi animali.


Le più lette

Gennaio 29, 2021

La vitamina B12, o cobalamina, svolge un ruolo fondamentale per la nostra salute ed è l’unico nutriente essenziale non presente negli alimenti vegetali. Per capire meglio qual è la sua funzione e come raggiungere il fabbisogno giornaliero, abbiamo chiesto ad un’esperta di nutrizione di fornire dei chiarimenti su questo prezioso…
Ottobre 30, 2020

Abbiamo chiesto a Tadzio Pederzolli – chef del ristorante “Radicetonda” a Milano e della scuola itinerante di cucina naturale “Baciamincucina”, curioso viaggiatore e volto noto della scena musicale underground milanese ed italiana – di parlarci proprio di burger 100% a base vegetale. Sono passati ormai 16 anni…
Giugno 26, 2020

Una premessa doverosa: tutto quello che vedrai in questa pagina è del tutto legale. Crudele, ma legale: queste terribili pratiche perpetrate sugli animali negli allevamenti e nei macelli sembrano uscite da un film dell’orrore, ma agli occhi della legge italiana sono considerate perfettamente legali! Come può essere legale strappare…