Le Coliche contro le gabbie!

Cosa può fare il duo comico Le Coliche per difendere gli animali rinchiusi in gabbia?

il problema


Guarda gli episodi della mini serie

Ogni anno nel mondo miliardi di animali vengono allevati e uccisi a scopo alimentare. Quello che accade all’interno degli allevamenti viene spesso tenuto nascosto al pubblico, ma si tratta di vere e proprie crudeltà.

Non sono solo i cani o i gatti infatti a subire maltrattamenti e abusi, ma anche maiali, mucche, conigli, tutti gli animali confinati negli allevamenti. Vale la pena lottare per cancellare per sempre queste brutalità, e non solo perché causano enormi e inutili sofferenze, ma anche perché danneggiano salute e ambiente.

Per tutti questi motivi, Animal Equality e Le Coliche hanno deciso di unire le forze e far conoscere a tutti un problema davvero drammatico, quello degli allevamenti intensivi e degli animali rinchiusi in gabbia. In Europa infatti circa 300 milioni di animali vivono tutta la loro vita in gabbie strettissime, rinchiusi in allevamenti nei quali non vedranno mai la luce del sole, se non per andare al macello.

Tutti gli episodi della serie


Da oggi e per i prossimi 5 giorni, Le Coliche pubblicheranno un mini sketch al giorno.

Potrai seguire tutta la serie direttamente da questa pagina!
Scopri le puntate qui sotto 😉

Cattivi Odori

5 settembre

Ti piacerebbe passare tutta la tua vita in uno spazio minuscolo pieno di odori nauseabondi prodotti dai tuoi compagni?

Guarda l'episodio

I bisogni

6 settembre

Cosa succede quando si è bloccati in un luogo molto piccolo e non si può uscire nemmeno per andare in bagno?

Guarda l'episodio

I luoghi comuni

7 settembre

Non ci sono più le mezze stagioni, chi più spende meno spende, chi va sano va piano e va lontano. Che fastidio i luoghi comuni!

Guarda l'episodio

telefonate imbarazzanti

8 settembre

Ti è mai capitato di non poter dire quello che vorresti al telefono per questioni di privacy? E se ti succedesse in ascensore?

Guarda l'episodio

Il brontolio

9 settembre

Quando il tuo stomaco non vuole smetterla di farsi sentire e la situazione crea quel tipico imbarazzo…

Guarda l'episodio

LA CAMPAGNA “END THE CAGE AGE”


Perché vogliamo un mondo senza gabbie

In Italia, più di 45 milioni di animali vivono tutta la vita in gabbia. Conigli, scrofe, vitellini e galline sono confinati all’interno di spazi minuscoli, sporchi e innaturali – per le galline lo spazio delle gabbie è pari a quello di un foglio A4, i vitelli vengono strappati alle madri e confinati in gabbie per settimane, mentre le scrofe sono costrette a crescere i cuccioli attraverso sbarre di ferro.

La vita in gabbia non è vita. La vita in gabbia è confinamento, costrizione, sofferenza. Ma gli animali non sono oggetti, e meritano una vita migliore. Per questo motivo, più di 140 organizzazioni europee per la protezione animale si sono unite in una coalizione, creando la più grande campagna europea mai lanciata per proteggere gli animali: End the Cage Age (“Mettiamo fine all’era delle gabbie”).

Vogliamo che le istituzioni vietino per sempre le gabbie in tutta l’Unione Europea, ma per farlo abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Per questo motivo, la coalizione ha lanciato una raccolta firme per raccogliere il sostegno dei cittadini europei e spingere così le istituzioni a vietare per sempre le gabbie in tutta Europa.

Come firmare la petizione europea

Questa non è una petizione come le altre, ma una “Iniziativa dei cittadini europei”, uno strumento di democrazia diretta previsto proprio dall’Unione.

In pratica, i cittadini possono chiedere direttamente alla Commissione e al Parlamento europeo di esprimersi e legiferare su un tema che sta a cuore agli abitanti dell’Unione europea. Per farlo, è necessario formulare un quesito e raccogliere almeno 1 milione di firme.

Per la campagne contro le gabbie, abbiamo già raccolto 1.400.000 di firme, ma mancano pochissimi giorni e vogliamo puntare alto! Poiché si tratta di una petizione ufficiale regolata da norme europee, è necessario inserire qualche dato in più. Sono dati che servono solo ed esclusivamente per certificare la firma e garantire che nessuno la falsifichi.