News

- Rimani aggiornato sulle ultime attività di Animal Equality -

Nuove immagini esclusive dalla Cina: cani e gatti consumati tra atroci sofferenze

dicembre 10, 2020

Animal Equality rilascia oggi nuove immagini esclusive che rivelano che – nonostante le proteste internazionali e gli annunci del Governo cinese nei mesi passati – nei wet market locali continuano ad essere venduti e uccisi cani e gatti per il consumo di carne

Guarda il nostro nuovo video realizzato in Cina nei wet market dove si vendono cani e gatti per consumare la loro carne 

Non è la prima volta che Animal Equality – in collaborazione con coraggiosi attivisti locali – documenta le crudeltà perpetrate su cani e gatti in Cina, ma con le nuove immagini raccolte a maggio del 2020, dopo i numerosi proclami del Governo cinese, vogliamo gettare di nuovo luce su questa incredibile ingiustizia. 

Nelle immagini esclusive si vedono: 

  • Cani e gatti tenuti in gabbia tra le bancarelle dei wet market del sud della Cina, ammassati gli uni sugli altri; 
  • Corpi di cani uccisi e scuoiati sul posto per essere macellati e venduti ai consumatori; 
  • Gatti tirati fuori dalle gabbie con violenza, con una pinza di metallo; 
  • Lavoratori che brandiscono sbarre di metallo per stordire gli animali trascinati fuori dalle gabbie per ucciderli; 
  • Gatti miagolanti disperati; 
  • Cani in gabbia di fianco ai cadaveri appesi di altri compagni appena uccisi; 
  • Carne di cane e di gatto che viene esposta sulle bancarelle e preparata dai venditori senza alcun rispetto delle minime norme igienico-sanitarie; 

Il materiale presentato è stato raccolto nelle città di Liuzhou-Nanhuan, Liuzhou Quianjin e Guilin-Ximen in Cina durante il mese di maggio, con l’aiuto di attivisti locali. Si tratta di alcune delle zone dove vengono ancora consumati cani e gatti, mentre in altre zone della Cina il loro consumo è stato addirittura vietato, come nella città di Shenzhen. 

Il video rilasciato da Animal Equality mostra anche alcune delle immagini raccolte durante investigazioni precedenti in Cina e si conclude con una richiesta chiara al Governo cinese: bisogna vietare per sempre il consumo di carne di cani e di gatti su tutto il territorio nazionale, senza deroghe e senza esclusioni.

La richiesta è contenuta ed elaborata nella petizione “SENZA VOCE”, che ha già raccolto oltre 650,000 firme in tutto il mondo, indirizzata al Presidente Xi Jinping, al Premier Li Keqiang, al Ministro dell’Agricoltura e degli Affari Rurali Han Changfu e del Ministro incaricato della Commissione Nazionale per la Salute Pubblica Ma Xiaowei. 

“Le scene che hanno potuto documentare i nostri investigatori insieme agli attivisti locali sono davvero scioccanti. Nonostante tutto, cani e gatti continuano a morire tra atroci sofferenze e ad essere consumati in ampie zone del territorio cinese. Gli animali vengono spesso rapiti ai loro proprietari e confinati in gabbie, per essere poi – pienamente coscienti – crudelmente macellati senza alcun controllo sanitario”

Alice Trombetta, Direttrice di Animal Equality in Italia.



Ultime notizie

gennaio 15, 2021

Sempre più persone interessate alla dieta vegetale, anche durante le feste Esattamente un mese fa abbiamo lanciato attraverso i nostri canali social il nostro ricettario di Natale con ben 21 ricette 100% a base vegetale per le feste. Il ricettario dal titolo…
gennaio 12, 2021

Gli obiettivi di Animal Equality per il nuovo anno: verso un futuro migliore per gli animali  Il 2020 è stato un anno decisamente diverso da quello che ci aspettavamo, ma nonostante tutto siamo stati in grado di ottenere risultati storici per gli animali e nel 2021…
gennaio 5, 2021

Il cortometraggio è firmato da tre giovani videomaker che hanno voluto mettere su pellicola l’ipocrisia e l’arroganza dell’industria della carne, grazie anche al contributo di Animal Equality e delle immagini raccolte durante le investigazioni Lea Borniotto, Vera Borniotto ed Edoardo Nervi sono i fondatori di Alienside…