OGNI DONAZIONE VALE X3 FINO AL 31 DICEMBRE! AIUTACI ADESSO!
News
Rimani aggiornato sulle ultime attività di Animal Equality

In azione contro le #BugieinEtichetta davanti ai Ministeri

Aprile 1, 2022

Per lanciare il nostro messaggio rivolto ai Ministri Stefano Patuanelli e Roberto Speranza abbiamo srotolando un banner da ponte Garibaldi e protestato pacificamente di fronte alle sedi dei loro Ministeri

A Roma, 12 attivisti in rappresentanza delle 14 associazioni aderenti alla “Coalizione contro le #BugieInEtichetta” – tra cui Animal Equality – insieme con gli attori Elisa Di Eusanio e Alan Cappelli Goetz hanno svolto pacificamente una protesta esponendo un banner e i cartelloni della campagna davanti ai Ministeri delle Politiche Agricole e della Salute.

Obiettivo: chiedere ancora una volta ai Ministri Stefano Patuanelli e Roberto Speranza di fermare l’approvazione di un sistema di etichettatura nazionale sul benessere animale privo degli standard che permettano di garantire un maggiore rispetto degli animali allevati a scopo alimentare e fraudolento per i consumatori, e che rischia di favorire ancora una volta i sistemi intensivi, proprio mentre la crisi legata alla guerra ne sta mettendo ancora una volta in luce l’insostenibilità.

Protesta pacifica contro le #BugieInEtichetta

Le nostre azioni contro le bugie in etichetta

La protesta si è svolta a Roma, davanti alle sedi dei Ministeri coinvolti nella definizione della proposta di etichettatura nazionale sul benessere animale, ed è stata accompagnata da un banner drop esibito lungo il Ponte Garibaldi con la richiesta di fermare le #BugieInEtichetta

I Ministri, infatti, si apprestano ad approvare un vero e proprio inganno da fermare quanto prima. Solo pochi giorni fa, martedì 29 marzo, le associazioni hanno lanciato una protesta digitale su Twitter, che ha superato i 20.000 tweet rivolti ai Ministri e ha scalato la classifica dei Twitter Trend raggiungendo la sesta posizione in Italia. Centinaia di attivisti digitali si sono uniti per chiedere di modificare il decreto sul Sistema di Qualità Nazionale per il Benessere Animale in base alle proposte della società civile, inviate più volte e sempre rigettate dagli uffici dei Ministeri senza alcun reale confronto.

La grande partecipazione sui social e davanti ai Ministeri di giovani attivisti e società civile  dimostra l’urgenza di intervenire su un progetto di etichettatura che i cittadini non condividono, in quanto privo dei criteri necessari a garantire un maggiore rispetto degli animali allevati a scopo alimentare e della necessaria trasparenza e chiarezza nei confronti dei consumatori.

Cosa prevederebbe la nuova certificazione sul benessere animale?

La proposta portata avanti dai Ministeri delle Politiche Agricole e della Salute con Accredia prevede infatti la certificazione con il claim in etichetta “benessere animale” anche per prodotti provenienti da animali allevati secondo standard al ribasso, tipici delle forme di allevamento intensivo. Mai come in questo momento, in cui la grande richiesta di cereali da parte degli allevamenti intensivi rischia di compromettere ulteriormente il sistema agroalimentare europeo già minacciato dalla guerra e dai cambiamenti climatici, servirebbero misure che spingano gli allevatori ad abbandonare i sistemi intensivi, per scegliere metodi più rispettosi degli animali e dell’ambiente. 

Le associazioni hanno chiesto più volte la revisione del decreto in alcuni, precisi, punti essenziali: l’introduzione di più livelli (di cui almeno 2 al coperto) diversificati per ogni specie chiaramente visibili in etichetta, la cancellazione di  riferimenti non attinenti al benessere animale e la considerazione dei bisogni etologici di specie, della densità di animali – incompatibili con i sistemi di allevamento intensivo – e delle condizioni di trasporto tra i criteri atti a determinare il benessere animale

Senza queste modifiche essenziali, etichettare con il claim “benessere animale” i prodotti sarà un mero atto di inganno nei confronti dei consumatori e degli allevatori che già hanno avviato una transizione, a scapito di una maggiore tutela degli animali allevati. 

Continueremo a far sentire la voce degli animali e a batterci affinché questa etichetta ingannevole non diventi realtà, anche tu puoi aiutarci a far arrivare il nostro messaggio ai Ministri, inviando una mail direttamente alla loro casella di posta. Insieme possiamo cambiare le cose.


Ultime notizie

Maggio 11, 2022

Gli eurodeputati hanno firmato l’interrogazione orale, presentata dal deputato Niels Fuglsang, per chiedere una figura responsabile del benessere animale in Europa. Risultato eccezionale per l’iniziativa #EUforAnimals promossa dall’organizzazione belga GAIA e sostenuta in Italia da Animal Equality, Animal Law e tante altre organizzazioni per la protezione degli animali sono saliti infatti…
Maggio 5, 2022

Per lanciare il nostro messaggio rivolto ai Ministri Stefano Patuanelli e Roberto Speranza abbiamo protestato pacificamente di fronte alle sedi dei loro Ministeri Siamo stati a Roma in rappresentanza delle 14 associazioni aderenti alla Coalizione contro le #BugieInEtichetta per portare il nostro messaggio davanti ai Ministeri delle Politiche Agricole e…
Maggio 3, 2022

I nostri colleghi di Animal Equality in Messico hanno lavorato in sinergia con il deputato Salvador Caro Cabrera, membro del gruppo parlamentare del Movimiento Ciudadano, per promuovere un’iniziativa che permetta di riconoscere in Costituzione come esseri senzienti tutti gli animali. “Gli animali sono qui con noi e non per…