News

- Rimani aggiornato sulle ultime attività di Animal Equality -

La Corte di Giustizia europea dichiara lo stordimento prima della macellazione come fondamentale e rispettoso per tutte le religioni

dicembre 22, 2020

Tutto è iniziato con la decisione della Regione belga delle Fiandre di vietare ogni deroga alla macellazione senza stordimento, anche in caso essa avvenga con i metodi prescritti dai riti religiosi ebraici e islamici. 

Un divieto nato dall’esigenza di garantire ad ogni animale il diritto minimo di non andare incontro a terribili ulteriori sofferenze, oltre a quelle a cui già è condannato, nella fase di macellazione.

A seguito di questa decisione, l’avvocato generale della corte di giustizia europea Gerard Hogan ha contestato la misura sostenendo che vietare le deroghe allo stordimento degli animali per i riti religiosi avrebbe negato il diritto alla libertà religiosa. 

La decisione della Corte di Giustizia europea, però, ha ribaltato questa contestazione e ha dato ragione alla regione delle Fiandre, dichiarando lo stordimento prima della macellazione come fondamentale per la tutela degli animali e dalle inutili sofferenze a cui sarebbero sottoposti e rispettoso di tutti i credo religiosi. 

Scritto da: Manuela Giacomini, avvocato che si occupa di Diritti Animali e collaboratrice di Animal Equality 

Pochissimi giorni fa la Corte di Giustizia europea ha pubblicato la sua sentenza nella causa C‑336/19, nata da un rinvio pregiudiziale da parte della Corte Costituzionale belga dopo che varie associazioni ebraiche e islamiche hanno impugnato il decreto della Regione delle Fiandre del 7 luglio 2017, che ha vietato la macellazione degli animali mediante riti tradizionali ebraici e islamici e imposto lo stordimento degli animali prima della macellazione, al fine di ottenerne l’annullamento totale o parziale.

Si tratta di una sentenza dalla portata “storica” poiché la Corte ha chiarito inequivocabilmente che una normativa nazionale di uno Stato membro che imponga, nell’ambito della macellazione rituale, un processo di stordimento reversibile e inidoneo a comportare la morte dell’animale non è contrario con la normativa UE relativa alla protezione degli animali durante l’abbattimento (Regolamento 1099/2009) né con l’articolo 10, paragrafo 1, della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea sulla libertà di manifestare la propria religione.

Il considerando 18 del Regolamento n. 1099/2009 enuncia, infatti, che occorre mantenere la deroga al requisito dello stordimento degli animali prima della macellazione, lasciando tuttavia un certo grado di sussidiarietà a ciascuno Stato membro.

In un contesto in evoluzione sia sul piano sociale sia su quello normativo, il benessere animale, in quanto valore al quale le società democratiche contemporanee attribuiscono un’importanza maggiore da un certo numero di anni, può, alla luce dell’evoluzione della società, essere preso maggiormente in considerazione nell’ambito della macellazione rituale e contribuire così a giustificare il carattere proporzionato di una normativa come quella della Regione delle Fiandre.

Inoltre, le misure contenute nella legge regionale di cui al procedimento principale garantiscono un giusto equilibrio tra l’importanza connessa al benessere degli animali e la libertà di manifestare la propria religione dai credenti ebraici e musulmani trattandosi quindi di misure assolutamente proporzionate. 

Come risulta dai lavori preparatori di tale legge regionale, infatti, il legislatore fiammingo si è basato su ricerche scientifiche che hanno dimostrato sia l’infondatezza del timore secondo cui lo stordimento pregiudicherebbe negativamente il dissanguamento sia che l’elettronarcosi è un metodo di stordimento non letale e reversibile, di modo che, se l’animale viene sgozzato subito dopo essere stato stordito, la sua morte sarà dovuta esclusivamente all’emorragia.

La Corte sottolinea anche che sia dalla sua giurisprudenza sia dall’articolo 13 TFUE, risulta che la protezione del benessere degli animali costituisce un obiettivo di interesse generale riconosciuto dall’Unione.

Pertanto, la Corte ha constatato che una normativa nazionale che impone l’obbligo di stordimento previo dell’animale durante la macellazione rituale, disponendo nel contempo che tale stordimento sia reversibile e che non provochi la morte dell’animale, è idonea a realizzare l’obiettivo della promozione del benessere degli animali garantendo un giusto equilibrio tra, da un lato, il benessere degli animali durante il loro abbattimento e, dall’altro, il rispetto della libertà di manifestare la propria religione.

Alla luce di quanto sopra, visto che le Istituzioni europee si accingeranno a rivedere a breve anche il Regolamento 1099/2009 tramite la strategia Farm to Fork, mi auguro che prevedano in ogni caso l’obbligo dello stordimento pre-macellazione e che anche il Governo italiano si attivi di conseguenza.

Maggiori informazioni sulla campagna macelli dal team di Animal Equality! 

Cari lettori, come sapete siamo da tempo impegnati a contrastare le ingiustizie e le irregolarità nei macelli italiani e non solo, e per questo non possiamo che essere profondamente felici di questo risultato, che comunque arriva dopo anni di inchieste nei macelli italiani e dopo una petizione che ha raccolto ormai più di 200.000 firme di cittadini che vogliono vedere un cambiamento. 

Sul nostro canale YouTube – al quale vi invitiamo a iscrivervi – troverete le nostre inchieste, partite dalla nostra indagine in un macello di ovini in Italia. 

Guarda la nostra inchiesta sul macello di agnelli, pecore e capretti in Italia

Il video potrebbe essere soggetto a limiti di età, per vederlo accedi al tuo account YouTube

Mostrare la verità per cambiare il futuro

Negli anni gli investigatori di Animal Equality hanno realizzato inchieste in più di 700 strutture tra macelli e allevamenti in tutto il mondo, ed ogni volta hanno trovato condizioni critiche per gli animali e una mancanza molto grave di controlli, anche nell’ambito della macellazione rituale. 

Portare alla luce la verità che l’industria vuole nascondere è il primo passo per stimolare la  consapevolezza su temi delicati come questi.  

Le investigazioni sono la prima arma che abbiamo a disposizione per contrastare questo sistema terribile ed ingiusto: solo raccogliendo nuove immagini che mostrano la realtà possiamo continuare a portare alla luce ciò che si nasconde dietro alle porte chiuse di allevamenti e macelli, perché senza il lavoro degli investigatori l’unica voce in campo sarebbe quella dell’industria e delle sue discutibili e ingannevoli pubblicità. 

Supporta chi combatte ogni giorno in prima linea per gli animali.



Ultime notizie

gennaio 15, 2021

Sempre più persone interessate alla dieta vegetale, anche durante le feste Esattamente un mese fa abbiamo lanciato attraverso i nostri canali social il nostro ricettario di Natale con ben 21 ricette 100% a base vegetale per le feste. Il ricettario dal titolo…
gennaio 12, 2021

Gli obiettivi di Animal Equality per il nuovo anno: verso un futuro migliore per gli animali  Il 2020 è stato un anno decisamente diverso da quello che ci aspettavamo, ma nonostante tutto siamo stati in grado di ottenere risultati storici per gli animali e nel 2021…
gennaio 5, 2021

Il cortometraggio è firmato da tre giovani videomaker che hanno voluto mettere su pellicola l’ipocrisia e l’arroganza dell’industria della carne, grazie anche al contributo di Animal Equality e delle immagini raccolte durante le investigazioni Lea Borniotto, Vera Borniotto ed Edoardo Nervi sono i fondatori di Alienside…