IL TUO AIUTO VALE DOPPIO ANCORA PER POCO! DONA ORA
News
Rimani aggiornato sulle ultime attività di Animal Equality

Pulcini maschi, il divieto di triturazione c’è ma troppe le deroghe

Settembre 13, 2023 Updated: Novembre 20, 2023

Il decreto attuativo emanato dal Governo Meloni vieta l’abbattimento dei pulcini tramite triturazione entro il 31 dicembre 2026, ma ancora non basta

Considerati veri e propri scarti di produzione dall’industria delle uova, ogni anno in Italia tra i 25 e i 40 milioni di pulcini maschi vengono uccisi per triturazione o soffocamento, pratiche dolorose di cui questi animali sono vittime entro le prime 24 ore di vita. 

Non sarà più così: nel 2022, a seguito della nostra campagna per chiedere il divieto del loro abbattimento, il Parlamento ha approvato una legge per vietare l’uccisione dei pulcini maschi in Italia.

Ora è arrivato anche il decreto attuativo che attendevamo dal Governo e che contiene alcune misure che limitano la sofferenza di milioni di pulcini maschi, vietando l’abbattimento dei pulcini tramite triturazione entro il 31 dicembre 2026, ma non basta.

Guarda la nostra intervista su Rai News 24

Pulcini maschi: perché il decreto non basta?

Attraverso il decreto attuativo per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento CE n.1099/2009 “Sulla protezione degli animali durante l’abbattimento”, il Governo ha deciso di adottare alcune misure che limitano la sofferenza di milioni di pulcini maschi, ma ha anche stabilito alcune deroghe che riducono l’impatto di questa misura. 

Il testo del decreto proposto dal Ministero della Salute stabilisce innanzitutto il divieto generale di abbattimento selettivo dei pulcini maschi, e in ogni caso “il divieto totale dell’abbattimento per macerazione”, ovvero tramite triturazione. Il decreto ammette tuttavia delle eccezioni a causa delle quali questi animali continueranno a soffrire. 

In particolare, il decreto ammette delle ampie deroghe al divieto di abbattimento selettivo in caso di errori di sessaggio, blocco o malfunzionamento delle macchine di ovosessaggio, per necessità di depopolamento, per necessità di salute pubblica e in caso di abbattimento dei pulcini per fini scientifici. 

Per quanto riguarda i pulcini maschi nati, il decreto stabilisce la possibilità che siano affidati ad associazioni secondo requisiti ancora non del tutto chiari, ma anche l’alternativa di destinarli all’alimentazione animale: sarebbe preferibile che le associazioni vengano consultate obbligatoriamente e che la seconda possibilità diventi soltanto residuale.

Per garantire che l’importante divieto di abbattimento stabilito dal Governo sia efficace, il decreto prevede poi l’implementazione e la promozione delle tecnologie di ovosessaggio, in grado di rilevare il sesso dell’embrione e di evitare quindi l’uccisione dei pulcini mediante macerazione. 

D’altra parte, è previsto che l’ovosessaggio possa avvenire fino al 14° giorno di incubazione dell’uovo: il doppio rispetto a quanto indicato dalle organizzazioni per la protezione degli animali sulla base delle ricerche più autorevoli e condivise dalla comunità scientifica, che indicano 14 giorni come un periodo di tempo eccessivo per il riconoscimento del sesso del pulcino, che potrebbe quindi provare dolore.

La nostra battaglia per fermare la strage dei pulcini maschi

Dopo che ad agosto 2022 il Parlamento ha approvato la “Legge di delegazione europea 2021 per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti normativi dell’Unione europea”, noi di Animal Equality, insieme a CIWF Italia, Essere Animali, Animal Law Italia e LAV abbiamo rivolto il nostro appello al Ministro dell’Agricoltura Lollobrigida e a quello della Salute Schillaci per chiedere di fermare la carneficina dei pulcini maschi una volta per tutte. 

Con l’emanazione dei decreti attuativi abbiamo fatto un ulteriore passo avanti e tuttavia:

Con l’attuale decreto attuativo l’impegno del Governo a sostegno degli animali non è sufficiente. La tutela degli animali non può infatti essere garantita completamente se non adottando tecniche adeguate ai pareri scientifici più autorevoli: ovvero abbassando i giorni di vita dell’embrione concessi per l’ovosessaggio e limitando le deroghe previste per l’abbattimento in casi di emergenza. In mancanza di questi interventi, i pulcini continueranno a soffrire e a morire per mano dell’industria delle uova in maniera del tutto legale.

Matteo Cupi, Animal Equality Italia

Non finisce qui, il nostro sforzo per fermare la strage di questi cuccioli non si fermerà, tanto è stato fatto, molto c’è ancora da fare, fino a quando anche l’ultimo pulcino non sarà risparmiato da queste atrocità.

Cosa puoi fare tu? Smettere di finanziare l’industria che considera i pulcini come scarti, in nome della produzione di uova scegliendo un’alimentazione 100% vegetale.

AMICI, NON CIBO!

Passare ad un’alimentazione 100% vegetale è facile se sai come farlo!

Scopri tutti i consigli sul nostro sito dedicato.


Ultime notizie
Febbraio 21, 2024

Se segui da un po’ la nostra battaglia in difesa dei polli a rapido accrescimento, sai che stiamo puntando i riflettori sul maltrattamento genetico a cui sono sottoposti. Questi polli sono fisiologicamente destinati a soffrire: problemi ai muscoli e agli arti, peso eccessivo che impedisce ai polli di…
Febbraio 21, 2024

“Mai sentito nulla del genere”, dichiarano gli abitanti di Cape Town, in Sudafrica, che si sono ritrovati a convivere con un fetore “inimmaginabile” da quando una nave che trasporta oltre 19.000 bovini ha ormeggiato nel porto della città. I tecnici saliti a bordo della nave per valutare lo…
Febbraio 9, 2024

L’alimentazione vegetale è stata protagonista di una prova del noto programma di cucina in onda su SKY, durante la quale i concorrenti si sono sfidati per realizzare piatti con ingredienti alternativi ai prodotti di origine animale Bistecca di legumi e cereali stampata in 3D, lievito alimentare disattivato usato come…