OGNI DONAZIONE VALE X2 FINO AL 7 LUGLIO! AIUTACI ADESSO!
News
Rimani aggiornato sulle ultime attività di Animal Equality

La produzione di pesce in India e Scozia sotto scacco: le immagini choc di Animal Equality

agosto 4, 2021

Due nuove inchieste rivelano la terribile realtà degli allevamenti di pesce nel Bengala e di un macello di salmoni scozzesi simbolo di ‘eccellenza’

Animal Equality rilascia oggi due nuove indagini realizzate in India e Scozia, rispettivamente all’interno di alcuni allevamenti di pesca industriale e di un macello di salmoni. Le immagini raccolte rivelano l’estrema sofferenza dei pesci – uccisi senza stordimento e sottoposti a numerose violenze -, terribili condizioni igienico-sanitarie e un grave impatto ambientale e sui minori da parte degli allevamenti indiani.

In India, Animal Equality ha indagato diversi allevamenti di pesci e gamberetti, vivai e mercati del pesce presenti in particolare nel Bengala occidentale, Andhra Pradesh, Tamil Nadu e Telangana, aree note per la loro produzione di pesce. 

Guarda il video della nostra ultima inchiesta sull’industria del pesce in India:

L’India contribuisce a circa il 6,3% della produzione ittica globale, ma l’industria della pesca e dell’acquacoltura, sempre più intensiva, sta adottando pratiche progressivamente più pericolose per ambiente, salute umana e diritti animali. 

Le immagini, raccolte in esclusiva e inedite in Italia da investigatori sotto copertura, mostrano: 

  • La “mungitura del pesce”, una pratica crudele in cui le uova di una femmina di pesce vengono spremute a mano. I pesci soffrono di dolori atroci, traumi e stress durante questa procedura; 
  • Sovraffollamento con migliaia di pesci allevati in piccole vasche spesso infestate da batteri e virus a causa della scarsa qualità dell’acqua
  • Mangime carico di antibiotici, un uso massiccio e non regolamentato che porta alla resistenza agli antibiotici tra i consumatori
  • Pesci uccisi per asfissia fuori dall’acqua o di freddo sul ghiaccio, provocando così una morte lenta e in agonia
  • Molti pesci schiacciati a morte dal peso di altri animali quando vengono catturati nelle reti e gettati nei contenitori; 
  • Pesci che muoiono durante il trasporto in quanto tenuti in vita per essere macellati nei wet market
  • Lavoro minorile: gli allevamenti di pesce, oltre a violare i diritti animali, violano anche i diritti umani. I video mostrano bambini che macellano il pesce nei mercati, esponendoli così a violenza gratuita e per altro violando le leggi relative alla proibizione del lavoro minorile; 
  • Spreco di acqua: gli allevamenti ittici sfruttano grandi quantitativi d’acqua che provengono da fiumi come Krishna, Godavari e Kaveri, riducendo così le disponibilità per l’agricoltura e la popolazione locale;  
  • Degrado del suolo: gli allevamenti di pesca e acquacoltura richiedono ampi appezzamenti di terreno. Ciò ha ridotto la resa agricola di queste aree e minaccia anche la sicurezza alimentare della regione
  • Pesce venduto in condizioni antigieniche nei mercati, dove le loro branchie sono tagliate senza stordimento, con conseguente morte per dissanguamento. Vengono anche lasciati in contenitori aperti a soffocare a terra, lentamente e dolorosamente; 

Animal Equality ha inoltre realizzato un’inchiesta – pubblicata sulle pagine de The Times – all’interno di un impianto di macellazione in Scozia che rifornisce i principali supermercati nazionali e internazionali. Si stima che ogni anno nel Regno Unito vengano allevati e macellati fino a 77 milioni di pesci. La Scozia, in particolare, è il terzo produttore mondiale di salmone allevato, dietro a Norvegia e Cile.

Guarda il video della nostra ultima inchiesta all’interno di un macello di salmone scozzese:

Gli investigatori sotto copertura di Animal Equality hanno potuto documentare numerosi abusi – estremamente gravi – sugli animali. 

I risultati di entrambe le inchieste raccontano pratiche reiterate di violenza inaudita nei confronti dei pesci e accendono i riflettori sulle conseguenze in termini di salute per i consumatori e a livello di impatto sull’ambiente. 

Ogni anno la pesca commerciale uccide trilioni di animali in tutto il mondo. Che siano allevati in allevamenti ittici industriali o catturati allo stato selvatico, i pesci non godono di protezioni legali che regolino il loro trattamento o le modalità di macellazione.  

Come Animal Equality ha denunciato attraverso altre inchieste svolte in Italia, negli allevamenti intensivi i pesci soffrono fino a due anni in acque sporche e infestate. I parassiti che si nutrono di branchie, organi e sangue dei pesci sono comuni, così come le infezioni batteriche, basti pensare che il 40% dei pesci da allevamento sono colpiti dai pidocchi di mare.

Sia la pesca industriale che l’acquacoltura hanno inoltre un forte impatto ambientale. L’allevamento intensivo di pesci può portare a condizioni dell’acqua tossiche a causa di ammoniaca, nitrati e parassiti. Mentre durante le operazioni di pesca su scala industriale vengono spesso utilizzate reti da traino giganti che raschiano il pesce dal fondo dell’oceano rovinando i fondali. Questo inoltre si traduce anche nel problema della “cattura accessoria”, cioè di quei pesci che vengono catturati a causa dei metodi di pesca ma che vengono ributtati in mare, spesso già morti.

Anche i problemi per la salute non mancano. Molti pesci dalle grandi dimensioni, tra cui tonno, pesce spada, squalo e sgombro, sono infatti costantemente ricchi di mercurio, che può danneggiare il sistema nervoso di un feto o di un bambino piccolo. Gli agenti inquinanti, talvolta presenti nei pesci, come le statiossine e i PCB, sono stati collegati a tumori e a problemi riproduttivi. Come se non bastasse, a causa dell’inquinamento dei mari, chi consuma pesce ingerisce fino a 11.000 piccoli pezzi di plastica ogni anno, secondo uno studio dell’Università di Plymouth, con gravi rischi per l’infiammazione e la degenerazione muscolare.

Con il rilascio di queste indagini, vogliamo dimostrare che il mercato della pesca industriale e degli allevamenti intensivi di pesce colpisce duramente il benessere dei pesci con conseguenze pesanti anche sulla salute dei consumatori, nonché dell’ambiente. La totale mancanza di regolamentazione e di tutele per la vita dei pesci è inaccettabile e chiediamo di fermare questa indifferenza.


Ultime notizie

settembre 16, 2021

Lanciamo oggi l’ultima ask della campagna europea “No Animal Left Behind” per chiedere che i miliardi di animali lasciati senza protezione dall’attuale legislazione UE vengano finalmente protetti con leggi adeguate Oggi, rilasciamo la nostra ultima richiesta come parte della campagna “No Animal Left Behind”, concentrandoci sui…
settembre 8, 2021

Abbiamo lanciato un appello rivolto al governo brasiliano e all’UE: chiediamo di proteggere dalla deforestazione questi ecosistemi fondamentali per il nostro Pianeta Abbiamo rilasciato un nuovo esclusivo reportage, narrato dalla voce della cantautrice Giorgia, che approfondisce il ruolo dell’industria della carne nella deforestazione illegale delle regioni del Cerrado e del…
settembre 2, 2021

Dopo circa tre mesi e mezzo di campagna, YUM! Brands, società madre di KFC, ha preso ufficialmente le distanze dagli allevamenti di galline allevate in gabbia grazie ad un impegno valido su scala globale Giovedì 2 settembre, YUM! Brands, società madre del gigante del fast food KFC, ha pubblicato il…